la parola del mese

ANALFABETISMO DI RITORNO

E’ un problema che non vi riguarda? E’ un piatto esotico che non avete mai assaggiato? E’ una varietà di insetto tropicale? E’ il nome di uno stato africano? Topo Gigio si è rotto un ginocchio?

E io che ne so?
Ma per me Gennaio è stato il mese dell’ANALFABETISMO DI RITORNO.
Che ridere.

aggiungere motori di ricerca a firefox

Ho appena scoperto l’esistenza del Mycroft Project, progetto che propone centinaia di plugin per i motori di ricerca da aggiungere alla barra di firefox. Personalmente forse ne abuso, ma lo ritengo uno strumento molto molto comodo, e ho scoperto che qualche sviluppatore anima pia ha fatto anche quello per l’OPAC SBN.

Ah, ovviamente per i più esigenti e di buona memoria, esiste sempre l’estensione RubNub per YubNub.
YubNub dà la possibilità di creare comandi personalizzati per il web, l’estensione RubNub integra la riga di comando nella barra degli indirizzi di Firefox. Così ad esempio, invece di andare su IMDB, posizionarvi sulla maschera di ricerca e scrivere il nome di un film, potete scrivere direttamente sulla barra: imdb nome del film e vedere caricare la pagina dei risultati della ricerca.
Uso abbastanza debman o lman o simili per cercare manuali dei comandi di linux, ma ce n’è un sacco e si possono creare le proprie abbreviazioni.

Mycroft è il nome del fratello di Sherlock Holmes.

una moneta per favore

Grazie alla destrezza della Cri, abbiamo scoperto che potete passarmi denaro per LINEAVARIEGATA tramite PayPal.

In fondo alla pagina di LV trovate un comodo bottone per le donazioni. Si pensava a un contributo di 10€ a testa. Il pagamento dello spazio del sito lo faccio adesso, entro fine gennaio, e vale un anno.

A chi volesse cercare un fornitore di servizi più economico (noi siamo su eastitaly.com e paghiamo circa 97€ all’anno), basta andarsi a vedere quali sono i requisiti minimi per un’installazione di Drupal:

  • un web server, che banalmente offre il provider di servizi, meglio Apache, meglio con accesso a mod_rewrite e .htaccess
  • un database, meglio MySQL 5.0 o PostgreSQL 7.4
  • PHP 5.2 o superiore con le seguenti direttive impostate:
    – register_globals
    : off; this is the default value, but some hosts have it enabled
    – error_reporting set to E_ALL & ~E_NOTICE. Work is ongoing to change this to E_ALL for Drupal 6 and Drupal 7.
    – safe_mode
    : off. Safe mode may interfere with file and image uploads.
    – Php Data Objects
    (PDO) must be activated for Drupal 7 to install and run correctly. Look in your php.ini. Uncomment (remove the leading semicolin) at line extension=php_pdo.dll, extension=php_pdo_mysql.dll. If these lines are not there, you will need to add them. You can also use pecl install pdo to install pdo.
    – In addition, we recommend the following setting: session.cache_limiter: nocache

Attualmente noi usiamo Drupal 5.21, anche se a me piacerebbe avere la versione 6. Abbiamo 1 Gb di memoria disponibile sul server e le mail @lineavariegata.it. Le mie preferenze, oltre ai requisiti di qui sopra, sono un server unix/linux e più di un database disponibile.

Donate, donate, donate!

giornata

7.35 – sveglia
8.10 – esco di casa
*8.30 – 13.30 – LAVORO, faccio il segretario in un dipartimento. LAVORO, gestisco alcuni siti internet.
13.30 – 14 – torno a casa e mi preparo lo zaino
14 – 14.45 – pranzo in mensa e bevo il caffè
14.45 – 19.15 – studio e scrivo la tesi alla Biblioteca di Area Umanistica
19.15 – 19.45 – esco dalla BAUM e mi dirigo verso la Biblioteca di Servizio Didattico. Lungo la strada mangio qualcosa.
19.45 – 23.30 – studio e scrivo la tesi alla BSD
23.30 – 23.50 – torno a casa col buio
23.50 – 00.30 – mi preparo i vestiti e la borsa per il giorno dopo, vado al bagno, leggo qualcosa di Asimov sui robot.

* ho iniziato il LAVORO a luglio 2009, vado in ufficio tutti i giorni dal lunedì al venerdì.

flussi che potrei andare avanti ore così

Insomma….son qui alle Zattere che cazzeggio. Cioè, son arrivato qui che saranno due ore, ho preso tempo recuperando qualche libro dagli scaffali e fingendo di leggerli. Mentre fingevo ho avuto un paio di illuminazioni che mi hanno fatto ripensare almeno (dico “almeno”) 5 righe della tesi. Sì, al momento ragiono in righe, coi chili andavo male.
Beh, son lì che faccio e trabatto e mi dico che tenere il cell spento e skaip spento e pochi soldi nel portafoglio è il modo migliore per restare concentrati, che come al solito clic qua clic là controllo la mail di libero, quella di gmail, se qualcuno mi ha scritto sul blog, se qualcuno ha scritto su LV, se qualcuno ha commentato miei video di youtube, addirittura se c’è qualche novità in Google Wave (che tanto nessuno sa di che cazzo sto parlando), finchè come al solito faccio un giro anche su Anobii e qui mi perdo, leggo recensioni, mica tante, un po’, poi finisco sul blog di uno stramegasimpatico, che parla un po’ così, come sto scrivendo io, cioè non è che parla, scrive, altrimenti sarebbe un podcast (e via, altri paroloni), così insomma, sti flussi di pensiero ma da cappottarsi dal ridere, cioè, uno come me e te, cioè me e voi, ma che fa un sacco ridere per come dice le cose, con quella verve comica nel modo in cui le butti giù. No vi giuro, mi sono sbellicato. Poi c’ha anche messo qualche video simpatico che vi consiglio di vedere, tipo un corto della Pixar (dice lui ma secondo me no) che non avevo mai visto, poi una canzone da ridere di una tizia che dice che c’ha la vagina larga 8 miglia e vuole fare entrare tutti, molto poetica, molto da ridere (con finale citazione dei pixies). Insomma io non sono uso poi mettere qui link a cose e persone che non conosco, quindi me lo tengo per me e chissene. Un po’ anche per invidia che poi andate a leggere lui e nessuno legge qui, che poi nemmeno mi interesserebbe, no dai, un po’ sì. Ma non è questo, insomma, mi son cappottato dal ridere e volevo condividere la cosa, anche per questo ho preso spunto dal suo stile di scrittura, che per carità, mica è il mio, insomma, lui c’ha tutti quei bei modi di creare neologismi da intellettual-comunista sopra i 30, che io mica c’ho. In effetti, mentre poco fa sono andato a fare la pipì mi sono accorto di una cosa, che sto tizio mi ha proprio fatto ridere di gusto, ed era un po’ che non ridevo di gusto, e insomma, bravo lui, massimo rispetto, ragazzi ridiamo tutti di gusto perchè qua non si trova mai il tempo per farlo. Poi mi sono ricordato anche che quando faccio la pipì penso sempre un sacco di cose interessanti e non trovo mai il tempo di scriverle qui. Allora son tornato su e le ho scritte. Così, come veniva, mettendoci un po’ di questo stile-flusso-di-coscienza che piace molto ai ggiovani e che se letto tutto d’un fiato fa anche carino, e che se invece uno si blocca poi non riesce ad andare più avanti e anzi, sta cosa lo infastidisce perchè dice “cazzo poteva andare a capo una volta dico una” e invece no perchè così senza virgole e a capi è tutto più compatto e simpatia. Meno leggibile, più simpatia. Oppure più mal di testa, ma sempre con simpatia.
E comunque le mani me le sono lavate. Dopo, ma le ho lavate. E non iniziate il discorso sul lavarsele prima o dopo che non attacca. Sempre meglio che farlo durante.

altro: LINEAVARIEGATA

***Ho deciso di usare le ore lavorative per non pensare alla tesi. Lavorare e non pensare alla tesi. Lavorare e magari fare altro.***

Nel giro di 24 ore ho ricevuto ben 2 nuove richieste di collaborazione per LV. Evviva!

Ci sono diversi modi per collaborare con LV:

  • pubblicare il link sul vostro sito/blog,
  • leggere gli articoli e pubblicare commenti
  • commentare il forum
  • aggiornare-modificare i contenuti delle sezioni Passato o Futuro
  • proporre una nuova sezione-un progetto-un’idea e quindi pubblicare il vostro progetto

Per quanto riguarda la mia attività di supervisione generica (e di produttore di Anolo’s Adventure), come sapete sto rimandando tutto a dopo il 12 marzo. Ciò non toglie che posso aprire sezioni semplici a chiunque ne abbia voglia. Per progetti più complessi che richiedono anche una mia attività di design grafico o simili, bisogna ancora pazientare.

Come noterete LV ha i suoi alti e bassi, ma il bello è questo e non intendo interferire nelle varie sezioni o fare il rompiscatole per gli scarsi aggiornamenti. Semplicemente ricordo che una sezione/progetto, può essere abbandonato con dignità e archiviato in Passato (vedi Gite Pro Loco Anziani Pasubio). Non vuole essere un incentivo ad aprire sezioni per ogni cosa che ci passa dalla testa, per quello rimando al forum ed eventualmente alla creazione di pagine singole (vedi la pagina “la treccia di Nukhet) con segnalazione al sottoscritto che mette il link nella homepage.
Per qualsiasi proposta di sezione, a meno di una certa motivazione personale, vi invito a discuterne nel forum, così da confrontarvi con gli altri e capire che continuità avrà il vostro progetto.

Ultimo e forse più importante modo per contribuire a LV: pagare!
Entro la prossima settimana rinnoverò il dominio al costo mirabolante di 97,79€, qualsiasi forma di contributo è gradita. Se preferite posso darvi il mio numero di C/C (con BancoPosta) o di carta PostePay, se volete usare i contanti sapete dove vivo. Per ogni comunicazione potete usare la mia mail o admin@lineavariegata.it.

***il mio lavoro su LV sarà condotto dal Lunedì a Venerdìn dalle 8.30 alle 13.30. Oggi ho dovuto fare degli aggiornamenti a Drupal, quindi potreste trovare dei problemi. Li risolverò lunedì appena torno dal weekend in biblitoeca.***

suscettibilità e carnevalità

In questo periodo sono estremamente suscettibile. Nell’ultimo mese ogni scusa è stata buona per non mettermi di fronte alla tastiera del computer a scrivere la tesi. Ho passato giornate intere a studiare e mettere in pratica metodi per prendermi in contropiede e rimanere concentrato.
Ma di volta in volta: l’effetto dell’alcol terminava, accendevo una puntata di weeds, giocavo a un giochino in flash, giocavo con l’xbox, uscivo a fare una commissione, gli incensi non erano abbastanza profumati,avevo sonno, mi guardavo intorno. Mi sentivo Homer affascinato dalla visione di un cane con due code*.

Ora che mancano 59 giorni alla consegna sento l’ansia. Una pressione fisica appena sotto lo sterno. Pare che la cosa mi stia motivando più di ogni altra tecnica psico-fisica. La pressione, nè più nè meno. Sarà una cosa di famiglia.

Ringrazio tutti quanti mi stanno dando suggerimenti preziosi su come portare avanti la cosa. Anche chi mi sostiene e mi tranquillizza. Anche quei bastardi che mi mettono ancora più ansia dicendomi che marzo è vicino.

Anche Carnevale si sta avvicinando e come di consueto vorrei collaborare alla creazione di costumi fantastici e sbrillucicosi. Inoltre molti approderanno sulle coste di Cape Gardin in questo periodo.
Ma devo declinare la mia disponibilità. Lo dico adesso che manca un poco e qui così ne resta traccia: per favore, non insistete nel portarmi fuori a festeggiare. Proprio per quello che dicevo prima sulla mia suscettibilità. L’effetto che otterrete sarà in alternativa: senso di colpa per non essere andato avanti con la tesi, senso di colpa per non essere uscito con voi.

Detto questo, spassatevela con Penguins Attack.

P.s. se qualcuno si azzarda a linkare altri giochini simpatici in flash, lo ammazzo

* nota: so che Homer non è mai stato distratto da un cane con due code. In realtà erano una farfalla prima e un cane poi. Era fuori dal locale di Boe se non ricordo male. Anche perchè, pensandoci meglio, un cane con due code meriterebbe tutta la mia attenzione.

oro incenso e mirra

Ci sono cose che succedono senza pensarci. A me succede spesso quando decido di scrivere, qui o da altre parti.

Quello che volevo buttare giù qualche giorno fa prevedeva malinconici commenti sul mio periodo natalizio. Su come quest’anno abbia vissuto il tutto come una vecchia zitella all’ultimo vernissage. Abbondanti sorrisi all’arrivo, finto interesse per l’esibizione, ressa al buffet. Buon Natale e felice 2010 a tutti.

Sono iniziati i saldi e grazie alla mamma ne esco con giacca, camicie e maglioni nuovi. Ho anche innaffiato il ficus di Laura e Gianluca (siete ancora vivi ragazzi? Che si dice in India?).

Poi c’è la questione dei miei studi. Oggi ho disegnato su un grande foglio il mio progetto di tesi, che poi non è altro che il mio indice. Che poi non mi ha aiutato minimamente. Che poi mi incazzo terribilmente con me stesso perchè non vado avanti e costringersi non serve, nemmeno cercare il “mood” giusto. Sono alle prime dieci pagine e già terribilmente annoiato dal lavoro.

Lineavariegata sembra in ferie, vorrei fare dei disegni di Anolo o scrivere buffi racconti natalizi in risposta al Sig. K. Invece LV è un pensiero che non posso permettermi perchè dovrei pensare alla tesi. Invece guardare “Weeds” e alienarsi sulla rete non mi fa sentire in colpa. Anche se poi devo ammettere che sono un imbecille da qualche parte. Allora lo faccio qui.

Hey. Non cerco consolazione. Lo sappiamo tutti. Lavoro meglio sotto pressione, ma non riesco a mettermi sotto pressione da solo. Provo a darmi piccole scadenze che non rispetto. Il 12 marzo sembra lontano, ma cacchio se è vicino.
Stasera ho risposto a un paio di mail e ho scritto qui. Mi sembravano gli ultimi grossi pretesti validi per evitare di leggere noiosi libri sulla storia delle biblioteche.

Ora vado a dormire. L’ultima proposta del mio cervello è svegliarsi presto e darsi da fare con la luce del sole. Mi avrà preso per un cazzo di robot giapponese alla Daltanius.
E ho passato gli ultimi 15 giorni a non fare niente per la tesi. Cosa mi succederà quando ci lavorerò sul serio? Invocherò i poteri della luna e andrò in giro vestito alla marinaretta con lunghi capelli biondi?

Scusate se non rispondo, a mail o sms. Sono solo annoiato. Prometto maggiore ilarità appena mi finisce il ciclo.