Che si dice, amico?

E’ da un paio di mesi che, nel weekend, mi arrabatto tra tedio, inedia, prigrizia, apatia e atarassia. Anche oggi scrivo l’ennesima lista delle cose da fare. Principalmente cose di lavoro arretrate, tanto per evitare di avere un lunedì all’insegna della follia. Ma anche cose relative al fatto che mio fratello abbandona la nostra doppia, per trasferirsi a Riva del Garda.

In fondo alla lista, tra le “cose che vorrei fare ma poi chissà quando“, ci sono: “aggiorna il blog” e “manda mail agli amici chiedendo come stanno“. Ovviamente, secondo i miei schemi mentali, sono le prime cose che faccio. Contemporaneamente.

Purtroppo il tedio e l’apatia di cui prima, mi impediscono esilaranti aneddoti sulla mia vita, quelli che di solito piazzo in cima alle mail. Semplicemente il mio tempo si sta inscatolando nella routine. L’idea di andare fin nel polesine in treno mi permette di risparmiare più di 200€ al mese, quindi sono contento. Esco alle 7.30 di casa, ci torno alle 19.30. Meno contento. Ah, il pendolarismo. Vabbè, cazzate, sapete che sono ossessionato dal tempo, tutto qui.

Per il resto continuo a millantare: un’iscrizione in palestra, la partecipazione a eventi culturali patavini, la conoscenza di nuove e interessantissime persone. Capite bene che finchè nessuna di queste cose avviene, il mio umore è ballerino e fa cha-cha-cha.

Infine le domande di rito. Come state? Che fate? Dove siete? Insomma, che si dice?

eeehh...what's up doc?

p.s. dimenticavo….ringrazio chi mi ha fatto reinstallare TF2, è bello perchè così ci si sente via skype e si chiacchiera….ora avrei bisogno di una modalità che mi impedisca di giocare quando non c’è nessuno di voi online. Grazie.

Annunci