Un doveroso antefatto

Illustre e fedele lettore, due postille prima che tu ti accinga a leggere questo trafiletto con devota ammirazione:

punto a) se hai dell’altro da fare fallo, ripeto fallo, ti esorto fallo, (si nota che mi piace scrivere FALLO?). Se devi andare a studiare, studia, se devi andare a asciugare le bave alla nonna, asciuga, se devi andare a fare una splenectomia, splenectomizza, se devi andare a pelare le zucchine per una vellutata di cipolle e porri, pela. Non perdere tempo con questo pezzo: non ti curerà, non ti farà guadagnare dei soldi, non ti renderà più attraente agli occhi delle squinzie e non aiuterà la tua diuresi, a meno che tu non beva venti litri di birra prima di leggere, ma allora a quel punto sarai già in coma e non avrai più tempo per farlo.

numero b) se nonostante tutto perseveri cocciutamente nel voler leggere, procurati almeno una persona che lo faccia bene: che ne so un attore qualsiasi alla robert de niro, ma va bene anche kim rossi stuart, valà ti passo anche raul bova, ok ok martufello è perfetto.

Bene, ora con la voce impostata il tuo attore può iniziare a decantare quanto segue:

“ L’incominciamento del tutto avvenne quando, il capodanno dell’anno del signore 2005, un gruppo di fortunati ragazzi dalle più disparate regioni d’Italia ebbero la fortuna, essendo loro ragazzi fortunati come appena sottolineato, di udire le parole del sommo profeta: l’unico il solo il vero l’inimitabile, il solo, l’unico, il vero, (mi ripeto perchè vista la sua maestosità mi mancano gli aggettivi per descriverlo), Pozzadamus. Ebbene nella menzionata situazione, egli predisse due accadimenti che puntualmente si avverarono, e che scossero la vita di tutti i regnicoli italioti e non solo: la morte del sommo pontefice giovanni paolo secondo alias karol woitila e la morte del sommo radicale marco pannella, alias marco pannella.

Direte voi, “ebbe e che ci vuole? Il papa aveva un piede nella fossa e pannella mica morto è!”. Stolti, qui sta la vera incredibbile e somma sommitudine della profezia: chi poteva aspettarsi che in vaticano avrebbero lasciato morire il papa cosi presto, considerando i mezzi che hanno a disposizione? Potevano produrre un cyborg con le sue fattezze o far credere alla gente che si riposava in qualche idromassaggio con qualche squinzia a castel gandolfo e invece hanno ammesso che era morto, straordinario. E ancora più straordinaria è la profezia relativa a marco pannella. In realtà il sommo eminentissimo pozzadamus nel parlare della morte del radicale si riferiva alla morte politica del soggetto pannella. Chi poteva pensare che la bonino l’avrebbe abbandonato in brache di tela ma soprattutto che quel voltagabbana di capezzone (tu quoque capezzonus fili mi disse marco nell’apprendere la nefasta novella, da noto latinista qual è) sarebbe andato a fare il lacchè del silvio buttando al vento anni di lotta, di barricate nelle strade, di scioperi della fame e in modo particolare di spinelli a go go? Scosso dall’aver ottenute unicamente 7 preferenze alle ultime politiche quando i sondaggi lo accreditavano a tre volte tanto, quindi almeno 21 voti, parenti compresi, e soprattutto dal fatto che la motta ha deciso di smettere la produzione delle girelle, non sapendo più cosa utilizzare come sostentamento promisquo ai suoi scioperi della fame, decide di ritirarsi dalle scene.

E puntualmente questo predisse nel lontano 2005 pozzadamus, che a voler leggere bene fra le righe, ma bene bene, è più grande di nostradamus, suor germana e maradona messi assieme.

Ora non sappiamo come sia cambiata la vita di quei ragazzi fortunati, se abbiano intrapreso la strada dell’illuminazione o se siano in tour con i collage a cantare due ragazzi nel sole e tu mi rubi l’anima ma sicuramente le parole del sommo profeta han segnato il loro cammino.

Gli si chiede tosto, di tornare a elargire le sue somme profezie di sommitudine, e lui dal lontano eremo in cui vive circondato da venerabili, immerso nella contemplazione dei misteri del creato, assorto nella meditazione più profonda, impegnato a scandagliare gli angoli più bui del più intimo sentimento umano alza gli occhi al cielo e non può che rispondere: “ ok se po’ fa, vedo come sto messo e poi ve dico. Saluti e ricordate senza mutande è meglio!”


Pozzadamus

4 pensieri su “Un doveroso antefatto

  1. senza mutande è meglio…ma cosa?

  2. ma come cosa mattia?? è ovvio, leggi il testo integrale di “due ragazzi nell’anima” dei collage e lo scoprirai… saluti!

  3. pardon “due ragazzi nel sole”, chiedo scusa ai collage per questo imperdonabbbile orrore!

  4. Collage – due ragazzi nel sole
    Non serve che mi ringraziate per questo link, merita davvero….grazie Pozzadamus….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...